Aldo Santini, Sabato trippa


Trippa e Lampredotto
Trippa e Lampredotto

“Sabato trippa” c’è qualcuno che ricorda quei cartelli? Emilio Cecchi, lo scrittore, ne parlava affascinato. Poi confessava: “Son fiorentino, di via San Zanobi, là vicino al mercato, con tutti quei gatti. Peccato, io penso sempre che la trippa non mi piaccia. Ci terrei mi piacesse, per un senso paesano, strapaesano. Ma è inutile. Non ce la faccio. Altrimenti un giorno la settimana, mi sentirei a posto anch’io. Non m’è toccata nemmeno questa. Peccato”.

A noi  che piace e che nella trippa sentiamo il  centro motore del bove, l’officina dove i pascoli si trasformano in polpa, in muscoli e ossa, la fabbrica del cimalino e del girello, della lombata, a noi che, mangiandola sentiamo la linfa della terra che tra le sue pieghe diventa carne ed energia…

[…]  tagliare la cipolla fine e farla soffriggere con l’olio e l’aglio. Aggiungere pelati e concentrato. Mettere la trippa dopo averla scottata nell’acqua e rinfrescata. Sale e pepe. Portarla a cottura. Toglierla quando il sugo è tirato e la trippa si scioglie in bocca. Servirla calda con una bella spolverata di parmigiano.

( Aldo Santini, La cucina Toscana, Il Tirreno -1990 )

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...