Antonio Morganti, Le torte di Pasqua  


Torta di Pasqua
Torta di Pasqua

« De la povera  che odore! Fermati un popoino e fammi vede’ quel che ci hai lì sotto. »

« E’ una torta; tanto per mantene’ la tradizione, sennonnò ʼun parerebbe nemmeno Pasqua! E sa’, a dittela vado a compra’ anche la pasimata, e du’ fettine le faccio indora’ e frigge’, proprio come a’ nostri tempi. »

« T’ha levato proprio bene! »

« E sa’, è di velle di ʼasa, midolle di pane ʼnzuppato nel latte, verdura, òva, latte, zucchero e il bicchierone delle droghe, che po’ è ʼl su’ segreto. Il sòlo l’ò tirato tutto coll’òva, che è venuto un bigiù. Certo che se la potevo còce al forno della Marietta bonanima, che lo scaldava a fascine, volevi senti’ che robba! Ora mi fai ride’, co’ forni eletrici, mi pare che sappino di luce! Ma ʼnsomma è bòna; un ci pensa’ nemmeno. »

[…]

« Te lo riòrdi a’ nostri tempi? ʼUn c’era famiglia viareggina che ʼun ni sfornasse quattro o cinque torte e il tortino per i bamboretti; e come si piacevino e com’erino bòne. In tutte le ʼase le donne indafarate a spiana’, a rimugina’ e po’ via al forno; e ci dovevimo fa’ la fila, da tante che c’erimo. E per mangialle, avevino voglia di sona’ le ʼampane a festa del sabbato santo. Fino a domenica guai a toccalle; e noi bamborette a moricci sopra dalla voglia d’assaggialle, ma era vigilia e a que’ttempi c’era da rispettalla, e come bene!  »

[…]

( Antonio Morganti, Pasimata benedetta, da “Tenìmisi strinti, Viareggio di ieri nel mondo di oggi”, Il fauno editore )

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...