Mario Tobino, Viareggio, 1° Maggio 1920


Nella ricorrenza del 1° maggio, una poetessa di Milano, una donna, di nome D’Andrea – nel manifesto c’era scritto poetessa e anarchica – aveva fatto un comizio al Politeama. il teatro più grande del paese. Aveva gridato, sudata, la voce perforante, aveva steso le braccia.

Viareggio - Teatro Politeama - Foto tratta da "A Viareggio con il treno dei ricordi" - Pezzini Ed. 1992
Viareggio – Teatro Politeama – Foto tratta da “A Viareggio con il treno dei ricordi” – Pezzini Ed. 1992

Come quando si infila un bastone nella brace e d’un tratto si tira su, aveva sollevato le faville: arricchiti pescicani, soldati in trincea, ragazzi morti, vampiri-padroni chinati a succhiare il sangue.

Ma presto, prestissimo, gli oppressori sarebbero stati calpestati, allora felicità e immensa giustizia.

Aveva finito gridando: « Vendicatevi! Ribellatevi! Fate giustizia! ».

Il teatro era colmo di calafati, marinai falliti o in disuso, impiegatucci, barbieri, gente che sentiva il mare ma non lo navigava, udiva narrare di tempeste ma non le aveva mai affrontate e covava la gran voglia di dimostrare che anche loro erano all’occorrenza audaci.

 

[…]

 

( Mario Tobino, Sulla spiaggia e di là dal molo, pag. 99 – Arnoldo Mondadori Ed., 1976 )

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...