Arnaldo Bonaventura, Bagni di Lucca – Lima e Camajone


Bagni di Lucca - Torrente La Lima col Ponte Camajone - Foto tratta da "I Bagni di Lucca, Coreglia e Barga" – Istituto Italiano d’arti grafiche Editore, 1914
Bagni di Lucca – Torrente La Lima col Ponte Camajone – Foto tratta da “I Bagni di Lucca, Coreglia e Barga” – Istituto Italiano d’arti grafiche Editore, 1914

Proseguendo ancora la via, traversato il ponte sul Camajone e passata la bella villa Stefani, si giunge alla località detta a Lima, donde si può salire alla villa Trebilliani, alla Torre, dalla quale si gode una vista incantevole. Di là si scopre un anfiteatro di monti dal dorso che sembra velloso, tale essendo l’effetto che producono, a distanza, le fittissime selve: sulle cime e sui fianchi spiccano vaghi paeselli aggrappati ciascuno intorno alla sua chiesetta e al suo campanile: giù si allarga la valle traversata dalla Lima che l’occhio può seguire fin che

seco viene
a maritarsi innamorato il Serchio

presso il villaggio di Chifenti, nome, a quanto pare, derivato da ad confluentes.

Ora torniamo sulla piazza del ponte a Serraglio e prendiamo l’ombroso viale a sinistra, in salita, che conduce ai Bagni Caldi. Dopo breve tragitto incontriamo l’elegante stabilimento chiamato Bernabò, in memoria di un pistoiese di tal nome che nel 1578 trovò in quelle acque la guarigione di una terribile malattia cutanea per la quale aveva inutilmente fatto ricorso ad altri bagni termali.

 […]

Bagni di Lucca - Bagni caldi- Foto tratta da "I Bagni di Lucca, Coreglia e Barga" – Istituto Italiano d’arti grafiche Editore, 1914
Bagni di Lucca – Bagni caldi- Foto tratta da “I Bagni di Lucca, Coreglia e Barga” – Istituto Italiano d’arti grafiche Editore, 1914

Questo stabilimento ha dinanzi una vasta terrazza dalla quale si presenta allo sguardo una veduta magnifica: di là si domina la borgata del Ponte a Serraglio colle spalle appoggiate ai monti e col piè nella Lima che , splendidior vitro, corre e si frange in cascatelle biancheggianti sui ciotoli sporgenti del greto: si vede la foce del Camajone che si congiunge alla Lima e, tutt’ intorno, si disegna un mirabile quadro, incorniciato dai monti, col paesello di Granajola da una parte, con quello di Lugliano dall’ altra, mentre in fondo s’erge la punta del Bargiglio, obliqua, minacciosa, selvaggia.

Il viale bellissimo, ombreggiato da castagni e da platani, continua, dopo passato il bagno Bernabò, su per il Colle dal quale scaturiscono le acque termo-minerali dei Bagni di Lucca.

 […]

 

 ( Arnaldo Bonaventura, I Bagni di Lucca, Coreglia e Barga – Istituto Italiano d’arti grafiche Editore, 1914 )

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...