Idelfonso Nieri, «O se ci ho un freddo che muoio!»


Questo Brigliòlo un anno, là fra Natale e Befania, s’andò a confessare: era quindici anni e più che non ci si era affacciato, e tutto questo tempo l’aveva passato a Marsiglia e per l’America: figuratevi che coscienza! Si mette lì e dà la stura al bottaccio: ce ne aveva di quelle che quattro pelano un bu: roba!… roba!…

Lucca
Lucca

Il prete gonfiava; sbuffava come un toro; un pezzo lo stette a sentire e lo sgridava, lo contendeva; e lui:
«Sor curato, ha ragione pur troppo; ma che vole? la miseria… gioventù…, poca testa… son fumino… piglio foco nell’acqua… l’occasione…»

Alla fine ne disse una così grossa, che il prete fece:
«Ma voi siete nell’inferno con tutti e due i piedi!»

E lui:
«O se ci ho un freddo che muoio!»

Infatti era gelata anco la piletta dell’acqua santa.

 

( Idelfonso Nieri, Un’altra di Brigliòlo, tratto da “Cento racconti popolari lucchesi”, 1908 )

 

Lucca
Lucca

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...