Idelfonso Nieri, Un avvezzo


Lucca - Palazzo pretorio di piazza San Michele - Foto tratta da "Come eravamo-Lucca" - Ed. Il Tirreno
Lucca – Palazzo pretorio di piazza San Michele – Foto tratta da “Come eravamo-Lucca” – Ed. Il Tirreno

Un povero ometto una volta comprò un miccettino, ma non aveva mezzi assai per mantenerlo. Allora pensò un pezzo e poi disse fra sè:
«O catto! un avvezzo e un disvezzo dura tre giorni, e la necessità gran cose insegna. Ci avvezziamo a tante cose per non poterne fare di meno!… Vo’ avvezzare il mi’ somarello a star senza mangiare; vo’ un po’ vedere se mi riesce».

E cominciò a calare la biada: oggi un po’ meno di ieri, domani un po’ meno d’oggi, e così ogni giorno sempre meno, tanto che dopo otto o dieci giorni non gli dette più nulla. Quel povero miccetto, poverino! andava là là per isconsumo, ma il padrone vedendolo sempre ritto si credeva che pigliasse quell’assuefazione e si rallegrava già dentro di sè.

Una mattina però va nella stalla e lo trova giù in terra a gambe steccolite, morto e duro, e lui disse: «Maladetta la fortuna! ora che mi ci s’era avvezzo, è morto!»

( Idelfonso Nieri, Un avvezzo, tratto da “Cento racconti popolari lucchesi”, 1908 )

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...