Carlo Alberto Di Grazia, 1930 – La nascita di Burlamacco


[…] I tempi erano maturi anche per questo evento e spuntò infatti, come per incanto, il volto sornione e sorridente di Burlamacco.  Pure lui, come il suo Carnevale, nasce a tavolino; non a quello d’un caffè, no, dov’era venuta l’idea d’una sfilata di carrozze nel 1873, né a quello di una stanzetta della Pro Viareggio dove dopo la Grande Guerra si gettarono le basi per la rinascita, ma a quello di lavoro d’un giovane artista, Uberto Bonetti, che lo ideò e lo pitturò.

Il manifesto del Carnevale del 1931 - autore Uberto Bonetti - immagine tratta da "Viareggio - Il Carnevale nella cartolina" - Pezzini Editore 1983
Il manifesto del Carnevale del 1931 – autore Uberto Bonetti – immagine tratta da “Viareggio – Il Carnevale nella cartolina” – Pezzini Editore 1983

[…] Nessun capocomico ha ideato Burlamacco, nessuno l’ha impersonato, in nessun canovaccio può ritrovarsi la trama di qualche sua commedia; la maschera viareggina non ha conosciuto l’ebrezza della ribalta se non quand’era già bell’e cresciuta, ma in compenso ha girato le vie del mondo e si è trovata a sorridere, col suo largo faccione a luna piena, sui muri di ogni contrada che la fama del Carnevale di Viareggio a mano a mano raggiungeva.
La sua vocazione, dunque, è la pubblicità, il suo messaggio non è che un invito, venite a divertirvi nella capitale dell’allegria.
Nell’autunno del 1930, migliaia di manifesti partono dalla Versilia per le città d’Italia e d’Europa, con l’annuncio delle manifestazioni dell’anno successivo: da quella data Burlamacco diventa ambasciatore di re Carnevale.
Il manifesto rappresenta stilizzati i due moli, in un bel mare azzurro solcato dall’immancabile vela: su quello di ponente s’alza e passeggia una bagnante in perfetto stile anni Trenta – sottile di vita, sinuosi i fianchi e il petto – che indossa uno scollato costume intero e porta in testa il cappellino a cuffia. Dal molo di levante, le dà una mano una maschera nuova, simpatica, viva; ha il vestito di Arlecchino, ma gli scacchi sono bianchi e rossi, ha il nero di Balanzone, ma su un mantello aperto al vento come una vela immensa, porta la gorgiera del ’600, ma stilizzata secondo i canoni dell’arte Novecento, e sulla testa, un rosso cappello napoleonico, anch’esso rivisto e corretto per l’occasione. Un sorriso accattivante, a bocca larga e spalancata, uno sguardo malizioso, un naso a banana, e il gioco è fatto.
Nel ’39, quand’era ormai popolare, ma senza nome, Bonetti battezzò Burlamacco la sua creatura, prendendo un po’ dal Buffalmacco di Boccaccio e dal Macco dell’Atellana. O semplicemente da Burla (beffa, scherzo)  e smacco?

E Burlamacco ebbe la vera vita che solo l’arte sa dare.

[…]

( Carlo Alberto Di Grazia, tratto da “La storia del Carnevale di Viareggio”, edito da “Il Tirreno” )

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...