Idelfonso Nieri, Chi ce la vuole e chi ‘un ce la vuole, io non ce la voglio!…


Firenze - duomo
Firenze – duomo

Dice che una volta nel domo di Firenze c’era stata messa una lampada d’argento dinanzi all’immagine d’un santo. Ora venne in mente a un ladracchiolo di rubarla, e che ti stilla? Nel tempo che c’era una gran piena di popolo a pregare, questo furbone si fa avanti e comincia a traffichicchiare qualche cosa intorno all’altare come se lo rassettasse, per far credere di essere un sagrestano, e intanto via via da vari punti dava delle occhiate alla lampada e sgrollava la testa come se ne fosse poco persuaso; alla fine la prende in mano borbottando a voce piuttosto alta:
«Chi ce la ‘ole e chi ‘un ce la ‘ole; io ‘un ce la ‘oglio!…» e te la stacca quasi per finire i chiassi senza che nessuno gli dicesse nulla, certi e sicuri che fosse addetto alla sagrestia.
Lui poi si ficcò tra la folla e mettendosela pulitamente sotto, sgattaiolò fuori e ne fece palanche.

Ora noi usiamo dire così quando facciamo una cosa di nostra idea senza interrogare la volontà degli altri.

( Idelfonso Nieri, tratto da “Cento racconti popolari lucchesi”, 1908 )

2 Comments Add yours

  1. NonsoloNonna scrive:

    mi piace molto il nuovo look del blog, anche se mi ero affezionata al primo… il mio primo piace è stato sul tuo blog colore giallo. Buona Giornata al prox post

    Mi piace

    1. paolorossi5508 scrive:

      grazie

      Liked by 1 persona

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...