Pirro Giacchi, Firenze – A letto dopo gli improvvisatori


Firenze - Lungarno
Firenze – Lungarno

Dalle due celebri piazze si passava in Lungarno, dove la poesia prendeva aspetto giocoso, nel cui genere meglio valevano i detti Chiarini e Baghéo.

Ed ecco che i Poeti, sino allora unisoni e concordi, divenivano rivali, e con tal garbo si rimbeccavano l’un l’altro, che gli ascoltanti ne andavano in visibilio. A ogni ottava, a ogni quartina, a ogni verso, piovevano i sali attici, le arguzie toscane, i frizzi fiorentini, facezie, equivochi, motti, proverbi, baie, frottole e riboboli da riderne a crepa pancia.

In tal guisa il tempo volava sì rapido, che non di rado l’aurora affacciata ai colli fiesolani, ci tirava a canestrate le rose per mandarci a letto. E a letto si andava senza aver bisogno del pastrano di Morfeo per coprirci gli occhi.

L’ ora, la stanchezza e le dolci variate immagini ben ci servivano di ninna nanna; e se pure un molesto pensiero assaliva i soavi riposi, era quello della Patria oppressa: ma la speranza colla crésta bianca, il grembiule rosso e la sottana verde, sedeva lì presso il capezzale, e raccontandoci le novelle, come la nonna ai nipotini, ci ravviava il sonno sulle gravi palpebre.

( Pirro Giacchi, “Reminiscenze notturne fiorentine” tratto da “Il Guazzabuglio ossia varietà di poesie e saggio di prose” , Firenze, 1875 )

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...