Sibilla Aleramo, Dostoevskij a Firenze.


Firenze - Giardino di boboli
Firenze – Giardino di boboli

[…]   So che la parola espiazione non può riferirsi ad uno speciale atto, ad uno speciale periodo dell’ esistenza di Dostojewski. Tutta l’esistenza, sua ed altrui, è per quest’ uomo espiazione : espiazione di tutto il male che, volenti o nolenti, tutti compiamo dalla nascita alla morte gli uni sugli altri. Espiazione ed assoluzione, combustione e purificazione incessanti. Non è questo il senso di tutta l’opera sua? Subito dopo la morte di Maria Dmitriewna, eg’li si pone a scrivere Delitto e Castigo, dove per la prima volta è data, assieme alla misura del suo genio, questa legge di tremenda euritmia spirituale. Nella stessa lettera che ho su citata, e in cui è esposta pure la sua terribile situazione finanziaria, egli ha un istante di smarrimento : « …. Di tutte le riserve di forza e di energia, è restato nella mia anima qualcosa di torbido e di vago, qualcosa ch’ è prossimo alla disperazione…. Il turbamento, l’amarezza, lo stato più anormale per me. E sono solo! ».

Ma ad un tratto esclama: « E tuttavia mi sembra sempre ch’io mi prepari a vivere. E ridicolo, vero? La vitalità del gatto! ».

E un anno dopo sposa una giovinetta ventenne. Non esita ad unire alla fresca esistenza di costei i suoi quarantasette anni rosi dall’epilessia….

[…]   E certamente neppure una simile unione poteva esser felice, nel senso normale. Nondimeno Dostojewski, qualche mese e anche qualche anno dopo, si dichiara tale. Forse, ciò ch’egli ha suputo dare in abnegazione per tanto tempo a Maria Dmitriewna, gli vien ora restituito da Anna Grigoriewna: ed egli trova ch’ è semplice, forse. Appena sposati partono per l’estero, perchè neppure il fatto di aver scritto é pubblicato Delitto e Castigo vale a salvare Dostojewski dagli assalti dei creditori.

E all’estero, nelle più dure strettezze e fra nuove prove (a Ginevra muore la loro prima bimba; qui a Firenze la coppia deve impegnare la biancheria: in pieno dicembre le rose fioriscono a Boboli, ma ciò non basta a consolare colui che alla posta, ove attende denaro, si sente sempre rispondere : niente) nasce L’Idiota.

Non è in questo libro meraviglioso sopra ogni altro la giustificazione del dono che Anna Grigoriewna fa della sua gioventù al marito? Il principe Muickine, l’epilettico impotente, debole come un bimbo e grande come un santo, il gemello del giovane Aliocha dei Fratelli Karamazoff, non è adorato forse dalle due donne ch’egli contemporaneamente ama?  […]

( Sibilla Aleramo, brano tratto dal racconto “Lo scambio delle croci” dal libro “Andando e stando” – R.Bemporad & Figlio Editori, Firenze, 1920 “

2 Comments Add yours

  1. NonsoloNonna scrive:

    Complimenti! sempre affascinanti i tuoi post, scusa per il ritardo ma ti ringrazio tanto per avermi inviato il titolo del libro…Buona Serata Manuela

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...