Jack La Bolina, Arcipelago Toscano – I Gigliesi


Isola del Giglio - Giglio Marina (Dall'opera "Die Insel Giglio" ) - Immagine tratta da “L’Arcipelago Toscano”, Istituto Italiano d’Arti Grafice Editore, 1914
Isola del Giglio – Giglio Marina (Dall’opera “Die Insel Giglio” ) – Immagine tratta da “L’Arcipelago Toscano”, Istituto Italiano d’Arti Grafice Editore, 1914

Il popolo gigliese è bello, robusto ; e le donne vanno superbe di occhi bruni vivissimi e di capellatura abbondante e corvina. Il censimento segna 2400 abitanti, ma in realtà presenti nell’isola ve ne sono appena 1400. Il migliaio soverchio ha emigrato alle due Americhe. L’emigrazione è la sola industria del luogo, ora che lo scavo del granito, delle piriti e del manganese, è stato presso che abbandonato. Con un terreno sì aspro alla vanga come quello di Giglio, l’agricoltura (le cui fatiche d’altronde son devolute alle donne) e per la scarsità delle piogge, versa in condizioni dolorose.

Ma con quale cura assidua i paesani lavorano i vigneti sostenuti da muri a secco !

E non è davvero il pietrame che manca loro per costruirli. Un luogo solo dell’ isola si presta a coltivazione più facile. Si chiama il Franco e si specchia verdeggiante sulle acque del Golfo del Campese, la cui spiaggia battuta dai maestrali o dal Provenza, come quei venti si chiamano nel medio Tirreno, è arida e brulla.

Come giudica i Gigliesi l’Arciduca ?

« Hanno molto talento per la musica, sono pacifici, timidi e religiosi. Pura e bella la loro lingua, ma l’istruzione ne è molto bassa ».

Lo credo anch’io, avendo saputo che a Castello vi è una sola maestra che stenta a farsi pagare dal Comune ! Continua l’Arciduca col suo consueto stile telegrafico :

« Nonostante la gran povertà, grande ospitalità. La roba necessaria ed i panni pei vestiti vengono tutti dal continente, da Livorno. Case rustiche, mobilio semplicissimo, scale esterne, vòlti tra una casa e la contigua di modo che Giglio Marina pare una sola casa, vicoli e stradine senza nomi, case senza numeri ».

[…]

( Jack La Bolina – brano tratto da “L’Arcipelago Toscano”, Istituto Italiano d’Arti Grafice Editore, 1914 )

2 Comments Add yours

  1. fulvialuna1 scrive:

    Che bella questa descrizione dei gigliesi! E belle davvero le immagini che posti, ne sono innamorata.

    Mi piace

    1. Carlo Rossi scrive:

      Sei sempre molto gentile, ti ringrazio.

      Liked by 1 persona

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...