Augusto Novelli, Un campagnolo ai bagni – Atto Terzo – Scena II


UN CAMPAGNOLO AI BAGNI

 ATTO TERZO

SCENA  II.

CAMILLO, il CAMERIERE, CORNICIONI, GELTRUDE e CESARINO.

Viareggio - Hotel Principe di Piemonte - Foto da Archivio e Centro Documentario Storico del Comune di Viareggio
Viareggio – Hotel Principe di Piemonte – Foto da Archivio e Centro Documentario Storico del Comune di Viareggio

CAMI. — ( Dalla sinistra, zoppicando ). Maledetto il ballo !

CAM. — Lo hanno pestato ?

CAMI. — E con che grazia !…

CAM. — Prenda qualche cosa…. Se lei prende qualche cosa le passa immediatamente.

CAMI. — Portami uno sifoncino alla menta.

CAM. — Subito ! ( Esce e poi torna ).

COR. — ( Alzandosi ). Perbacco !… Se non sbaglio lei è il signore delle disgrazie ?…

CAMI. — Purtroppo !

COR. — Stamani quell’affare sul vassoio, più tardi è mancato poco che non lo annegassero, e ora….

CAMI. — Non può fare a meno ; quando in uno stabilimento che si rispetta si lasciano passeggiare i matti ….

COR. — I matti ? …

CAMI. — Sicuro ! C’è un matto che mi perseguita dappertutto. Che cosa ci vuol fare ?… Si ragiona, forse, coi matti ?

COR. — Non è facile.

CAM. — ( Rientrando con un bicchiere ed uno sifoncino di menta ). Eccole la menta.

CAMI. — Mettila là.

CAM. — Servito ! ( Lascia il vassoio sul tavolino di sinistra, dove dormono Cesarino e Geltrude, ed esce ).

COR. — Ma se le cose stanno come ella dice, lei potrebbe reclamare. Si faccia sentire !.,. Non ha nessuno, non è conosciuto ?…

CAMI. — Per Dio, sono il capo banda della musica di Fucecchio !

COR. — Oh, guarda…. E chi lo sapeva ?

CAMI. — Lo sanno tutti ; egli è che io non ci tengo….

COR. — Si vede ; cioè, non si vede nemmeno. Lei è come il maestro Verdi. Anche lui va ai bagni di Montecatini e non sembra. — Chi ?… quello là seduto, che beve l’ acqua del Tettuccio, il maestro Verdi ?… Oh, ma è impossibile ! — Si dice così per il maestro Verdi.

CAMI. — Lo stesso per me. Siamo tutti uguali. Però Verdi rimane sempre un bel talento. Per me è un genio ; gli altri dicano ciò che vogliono, ma per me….

COR. — ( Dopo averlo guardato fisso ). Ma sa che ce ne sono ben pochi che dicono come lei ?…

CAMI. — Perchè il mondo è popolato d’invidiosi. E io lo so.

CES. — ( Destandosi e stirando le braccia ). Ah, Dio, Dio !… ( E scorgendo dinanzi a sé lo sifone ). ( Che bel colore verde ). ( Si melte a toccarlo ).

COR. — Dunque lei crede proprio che Verdi abbia fatto qualche cosa di discreto ?

CAMI. — lo ne sono convinto.

COR. — Questo mi fa piacere…. Fra colleghi….

CAMI. — Deve essere così !… Posso offrire ? ( E va per volgersi verso la bottiglia ).

CES. — ( Tocca lo sifone e la menta schizzando sul tavolino, va ad annaffiare Geltrude ).

GEL. — ( Balzando ). Uh !…

CAMI. — Ehi !… Ragazzo, dico !…

GEL. — ( Rasciugandosi ). Cos’è ?… Che rob’è ?…

CAMI. — Niente di male. E’ menta. Menta al seltz.

GEL. — Menta ?… Io che non la posso soffrire !

CAMI. — La colpa è del suo ragazzo !

CES. — La colpa è sua ! Io credevo che fosse vuota !… ( Ed esce ).

CAMI. — Ma che vuota !…

GEL. — ( Riconoscendolo ). Sembra incredibile, ma lei par nato apposta per martirizzare i cristiani !

CAMI. — Io ?

GEL. — Lei, lei !… Senta, senta come mi ha appestato !

CAMI. — Ma se è menta !

GEL. — Appunto per questo !… Io non la posso poffrire…. ( Poi, volgendosi ). Dio !… Dovè la mia bambina ? …

COR. — Eh, se lei dorme, le tortore prendono il volo.

GEL. — Si è allontanata con lui, con quella canaglia, ci scommetto. ( Andandosene ). E pensare che l’ho portata ai bagni per rimettersi in salute !… ( Esce dalla sinistra ).

COR. — Sta fresca ! E’ là con un giovinotto che se la trascina come un frullino.

CAMI. — Davvero ?… Allora questa è una scena che merita di esser veduta. ( Chiamando ). Cameriere ! ( Pagando ). E’ una bella ragazza ?…

COR. — Bella e…. pericolosa ! ( Segue Geltrude ).

CAMI. — Vengo anch’io !…

CAM. — ( Entrando ). Comanda ?

CAMI. — Puoi alzare, e se vedi mia moglie dille che sono andato ad impostare una lettera. ( Segue Cornicioni ).

CAM. — Anche intraprendente il capo musica della banda di Fucecchio ! ( E va per alzare ).

[…]

( Augusto Novelli, brano tratto da “Un campagnolo ai bagni” – 1887 – R. Bemporad & Figlio, Editori, Firenze 1921 )

Viareggio - Hotel Principe di Piemonte
Viareggio – Hotel Principe di Piemonte
Viareggio - Hotel Principe di Piemonte ai giorni nostri
Viareggio – Hotel Principe di Piemonte ai giorni nostri

Per chi fosse interessato aggiungo alcuni indirizzi internet  dove si possono trovare informazioni sull’ Archivio e Centro Documentario Storico “Francesco Bergamini” di Viareggio :

Informazioni generali :  http://www.comune.viareggio.lu.it/index.ph?poption=com_content&view=category&id=70&Itemid=32

album di foto storiche : http://www.comune.viareggio.lu.it/index.ph?poption=com_content&view=article&id=715:foto-storiche&catid=70&Itemid=32

pubblicazioni : http://www.comune.viareggio.lu.it/index.php?option=com_content&view=article&id=246:pubblicazioni&catid=70&Itemid=32

microstorie : http://www.comune.viareggio.lu.it/index.php?option=com_content&view=article&id=706:microstorie&catid=70&Itemid=32

2 Comments Add yours

  1. marzia scrive:

    E’ bello poter cedere la differenza o meno di un luogo tra un tempo e il nostro..

    Mi piace

  2. fulvialuna1 scrive:

    Anche in questa foto…preferisco il fascino degli anni passati, quelle automobili stonano.

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...