Giuseppe Gonnelli, Firenze – Michelangelo, Monumento di Giuliano de’ Medici


Michelangelo - Monumento di Giuliano De' Medici nella Basilica di S.Lorenzo - Illustrazione tratta dal libro “Monumenti sepolcrali della Toscana” con disegni di V.Gozzini incisi da G.P.Pasino sotto la direzione del Cav. P.Benvenuti e L.De Cambray Digny – Firenze, 1819
Michelangelo – Monumento di Giuliano de’ Medici nella Basilica di S.Lorenzo – Illustrazione tratta dal libro “Monumenti sepolcrali della Toscana” con disegni di V.Gozzini incisi da G.P.Pasino sotto la direzione del Cav. P.Benvenuti e L.De Cambray Digny – Firenze, 1819

Monumento di Giuliano de’ Medici nella Basilica di S.Lorenzo opera di Michelangiolo Buonarroti

Il Pontefice Leone X ammonito da tante morti de’ suoi congiunti fece dar principio col disegno del Buonarroti alla Sagrestia nuova di S. Lorenzo per inalzarvi i sepolcri del Fratello e del Nipote, i quali sono ammirati, come i più felici sforzi del genio di Michelangiolo.

Sull’urne sepolcrali riposano quattro figure, 1′ Aurora , il Crepuscolo , il Giorno e la Notte . Il loro allegorico significato è soggetto a varia interpetrazione.  Se l’imprese di Giuliano e Lorenzo avessero meritata la fama di un Alessandro, si potrebbe convenir col Vasari, che tutte le parti del mondo piangessero la morte di questi Duchi, ma l’iperbole è troppo strana. Il giudizioso spettatore le considera piuttosto come l’emblema della brevità della vita.

Giacciono sull’ arche del Monumento, eretto alla memoria di Giuliano de’ Medici , il Giorno e la Notte.

La scienza anatomica, la magistrale intelligenza dei nudi fieramente atteggiati, la verità e l’artificio dei muscoli attestano nella figura del Giorno quel vigore di genio straordinario , di cui la Natura fu tanto a Michelangiolo liberale. La figura è imperfetta; ma trova, se puoi, marmo più animato di questo .  L’ aureo detto Virgiliano “vivos ducent de marmore vultus” a chi meglio conviene che al divin Buonarroti ? In Lui sempre la materia s’accorda all’intenzione dell’arte.

E che potrò io dir della Notte, esclama il Vasari, statua non rara, ma unica ? In essa conoscesi non solo la quiete di chi dorme , ma il dolore di chi perde cosa grande e onorata. Il Buonarroti le fece la Luna in fronte, e 1′ uccello notturno a’ piedi, emblemi della Notte; sebbene gli antichi la fingessero una donna con due grandi ali nere, con ghirlanda di papaveri in capo , e con manto circondato di Stelle; simboli più convenienti al pittore che allo statuario.

In lode della Notte furono scritti i seguenti versi :

La Notte che tu vedi in sì dolci atti
Dormire , fu da un angelo scolpita
In questo sasso ; e perchè dorme , ha vita :
Destala, se no ‘l credi , e parleratti .

E’ fama che Michelangiolo in persona della Notte rispondesse cosi :

Grato mi è il sonno , e più l’ esser di sasso .
Mentre che il danno , e la vergogna dura ,
Non veder , non sentir m’ è gran ventura :
Però non mi destar ; deh parla basso .

Giuliano , ultimo figliuolo di Lorenzo il Magnifico , fratello di Leone X , cugino di Clemente VII , non ebbe alcun figlio dalla sua moglie Filiberta di Savoja, ma prima del suo matrimonio aveva avuto un figlio naturale , che fu il celebre Cardinale Ippolito , riconosciuto come un rampollo della stirpe Medicea. Fu dal Pontefice eletto Capitan generale della Chiesa Romana ; ebbe dal Re di Francia il Ducato di Nemours, e dal Re d’ Inghilterra l’ordine della Giarrettiera. Era di liberali costumi, e molto amato dai cittadini , perchè dai fatti non aveva dissimili le parole. Splendido Mecenate dei letterati, fu dal Bembo introdotto come interlocutore nel Dialogo della Lingua Italiana , e dal Castiglione nel Cortigiano .

Afflitto da lunga malattia morì in età di 37 anni nella Badìa Fiesolana con dispiacer grande dei Fiorentini.

La sua Figura si vede assisa in abito militare Romano , caratteristica del suo grado di Generale di Santa Chiesa . Lodano gli artisti la dignità del sembiante , 1′ incassatura degli occhi , il profilo del naso, i capelli , le braccia, il nobile atteggiamento.

( Giuseppe Gonnelli, brano tratto dal libro “Monumenti sepolcrali della Toscana” con disegni di V.Gozzini incisi da G.P.Pasino sotto la direzione del Cav. P.Benvenuti e L.De Cambray Digny – Firenze, 1819 )

"Michelangelo, tomba di giuliano, duca di nemours" di Michelangelo - Umberto Baldini, Michelangelo scultore, Rizzoli, Milano 1973. Con licenza Pubblico dominio tramite Wikipedia - https://it.wikipedia.org/wiki/File:Michelangelo,_tomba_di_giuliano,_duca_di_nemours.jpg#/media/File:Michelangelo,_tomba_di_giuliano,_duca_di_nemours.jpg
“Michelangelo, tomba di giuliano, duca di nemours” di Michelangelo – Umberto Baldini, Michelangelo scultore, Rizzoli, Milano 1973. Con licenza Pubblico dominio tramite Wikipedia – https://it.wikipedia.org/wiki/File:Michelangelo,_tomba_di_giuliano,_duca_di_nemours.jpg#/media/File:Michelangelo,_tomba_di_giuliano,_duca_di_nemours.jpg

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...