Eugenio Müntz, Volterra


Volterra - Battistero, Campanile e Duomo
Volterra – Battistero, Campanile e Duomo – immagine tratta da “Firenze e la Toscana” di Eugenio Müntz, Fratelli Treves Editori, 1899

Due vie si offrono al viaggiatore per recarsi a Volterra: egli può andarvi o in vettura da Poggibonsi o da San Gemignano (in tre o quattr’ore), oppure colla ferrovia, da Cecina, stazione della linea che da Pisa va a Grosseto.

La città, situata su alture, unisce , senza confonderle, le vestigia del medio evo — battistero, cattedrale romana, palazzo municipale del secolo XIII — a quelle dell’antichità etrusca: porta dell’Arco, bastioni dai blocchi giganteschi, tombe, bronzi, sculture d’alabastro, vasi, vetri del Museo. Le une valgono le altre.

Malgrado il lavoro prodigioso compiutosi nel corso dei secoli in quest’angolo di terra così progredito, che chiamasi la Toscana, il ricordo dei suoi primi colonizzatori, gli Etruschi, continua tuttavia a librarsi sopra una serie di città : esso imprime loro un certo qual carattere di forza e di severità; Fiesole e Chiusi, Volterra, Arezzo e Cortona, per quanto popolati di capolavori del medio evo e del Rinascimento, non cessano di apparirci come lucumonie dell’antica Etruria. A mala pena l’opera dei Romani figura alquanto innanzi ai loro giganteschi muri di cinta, innanzi alle pitture delle loro tombe, innanzi alle terre cotte o ai bronzi che si vanno scavando; essa non offre ad uno stesso grado la convinzione propria agli iniziatori da loro vinti e sottomessi.

Il Rinascimento, malgrado il suo potere di seduzione, non riuscì a dare a Volterra un aspetto più ridente. Invano Mino da Fiesole, i della Robbia, Andrea Sansovino, Ghirlandaio, Signorelli, Pontormo, Ammanati, vi lasciarono le traccie del loro passaggio; l’insieme della città conserva sempre la sua aria feroce. In questi luoghi non si sacrificò giammai alle Grazie. Ritornandocene indietro da Poggibonsi giungeremo a Siena e di qui a Chiusi, la città etrusca per eccellenza, ove tutto, rovine, tipo degli abitanti, nome delle vie, ci riporta ad un passato di circa 2500 anni.

[…]

( Eugenio Müntz, brano tratto da “Firenze e la Toscana”, Fratelli Treves Editori, 1899 )

 

Volterra - Piazza della Giustizia
Volterra – Piazza della Giustizia – immagine tratta da “Firenze e la Toscana” di Eugenio Müntz, Fratelli Treves Editori, 1899
Volterra - Palazzo Pubblico
Volterra – Palazzo Pubblico – immagine tratta da “Firenze e la Toscana” di Eugenio Müntz, Fratelli Treves Editori, 1899

5 Comments Add yours

    1. Carlo Rossi scrive:

      Auguro anche a te un Buon Natale e un sereno nuovo anno.

      Mi piace

      1. Dora Buonfino scrive:

        Un abbraccio grande

        Mi piace

  1. A Volterra ci andai nel secolo scorso affascinata dai libri di C. Cassola. Bellissima.

    Mi piace

    1. Carlo Rossi scrive:

      Ti saluto e auguro un Buon Natale.

      Liked by 1 persona

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...