Arnaldo Bonaventura, I Bagni di Lucca


Bagni di Lucca - Ponte a Serraglio
Bagni di Lucca – Ponte a Serraglio – Foto tratta da “I Bagni di Lucca, Coreglia e Barga” – Istituto Italiano d’arti grafiche Editore, 1914

Le abitazioni dei Bagni di Lucca

“sono situate in un villaggio circondato da alte montagne, o sono assise su l’una di queste montagne, non lungi dalla sorgente principale.   Un gruppo pittoresco di case guarda la vallata incantevole. Ma ve ne sono alcune solitarie, sparse su pei declivi, alle quali bisogna arrampicarsi penosamente traverso a vigne, mirti, caprifogli, allori, olivi, gerani e altri fiori e piante nobili, vero paradiso selvaggio.   Io non ho mai veduto più incantevole vallata, soprattutto quando dalla terrazza del Bagno superiore s’immerge lo sguardo giù nel villaggio.   Si vede il Ponte che passa sopra un piccolo fiume chiamato Lima, che, dividendo in due parti il villaggio, si precipita ad ogni estremità in piccole cascatelle su massi di roccia e vi fa gran chiasso, come se volesse dire le più leggiadre cose e la sua voce fosse incessantemente coperta dal molteplice cicaleccio degli echi.   L’incantesimo massimo di questa vallata sta senza dubbio in ciò, ch’essa non è troppo grande né troppo piccola: che l’anima dello spettatore non si sente punto violentemente strappata, ma ch’essa, invece, può riempirsi del delizioso spettacolo.   Le stesse cime delle montagne, come in tutta la catena degli Appennini, lungi dall’essere sfigurate in frastagliamenti grotteschi come le caricature di montagne che troviamo in Germania, altrettanto spesso quanto le caricature di uomini, si svolgono per lo contrario in forme arrotondate e verdeggianti, che sembrano esprimere una civiltà artistica e armonizzano melodiosamente col pallido azzurro del cielo.”

Così, mescendo sempre il suo sarcastico humor al palpito che tanta bellezza di natura destava nel suo cuore d’artista, scriveva, de’ Bagni di Lucca, Enrico Heine nei suoi Reisebilder. E acutamente, da osservatore profondo, poneva in rilievo la ragion vera della loro bellezza resultante dall’armonica proporzione di tutte le parti concorrenti a formare il quadro, ne troppo grande né troppo piccolo ed esprimenti quasi una civiltà artistica.

 

( Arnaldo Bonaventura, I Bagni di Lucca, Coreglia e Barga – Istituto Italiano d’arti grafiche Editore, 1914 )

 

 

 

One Comment Add yours

  1. marzia scrive:

    Un giorno mi piacerebbe passare di qua e leggere una tua narrazione ( o vostra) sulla tera che amate..
    So che non è in linea editoriale con voi questa mia richiesta…ma ci ho provato..

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...