Francesco Fontani, Veduta generale della città di Pisa – 1


Pisa - Pianta della città - Illustrazione tratta da "Compendio di Pisa Illustrata" - 1798 - di Alessandro Morrona
Pisa – Pianta della città – Illustrazione tratta da “Compendio di Pisa Illustrata” – 1798 – di Alessandro Morrona

Nella diversità dei pareri adottati dagli Eruditi circa l’antica prima origine di questa Città, volendola alcuni derivata da Pelope anteriormente alla guerra Troiana, pretendendo altri che Etrusca essa fosse, e che posteriormente i Greci le aumentassero ed ampiezza e decoro, noi intenti ad esaminarne gli attuali suoi pregi, non ci daremo la pena di qui bilanciare il peso delle ragioni e delle autorità addotte sì dagli uni come dagli altri, persuasi che per qualunque nuova discussione se ne volesse instituire, non si giungerebbe mai a dare un grado di assoluta certezza all’enunciate opinioni, che tutte sul verisimile, e sul probabile sono appoggiate. […]

Dalle osservazioni che avremo luogo di fare in seguito sopra diverse fabbriche, ed altri monumenti d’ Arte che abbellano notabilmente la Città, potremo con tutta ragione dedurre che i Pisani prima forse d’ogni altro popolo di Toscana, sia per genio di magnificenza, sia per amore del bello, nei secoli di mezzo attesero a rendersi illustri e rinomati in Italia. I principali loro edifizj certamente attestano e la grandiosità del loro pensare , e la ricchezza a cui erano giunti: e fors’ anche il pregio di cui possono vantarsi d’essere stati i primi a formare una scuola di Architettura, e d’opere di scarpello, per vincere la barbarie dei Secoli guasti e corrotti. E quanto all’Architettura sia pure stato Greco d’origine quel Buschetto che nel Secolo XI , al riferire del Vasari

“diè principio al miglioramento dell’Arti del Disegno in Toscana, e che fu gran cosa metter mano a un corpo di Chiesa così fatto, di cinque Navate, e quasi tutto di marmo dentro e fuori”

qual’ è la Cattedrale che ei disegnò e condusse: pure si dee la gloria ai Pisani, che onori e premj accordarono a chi si studiò in mezzo a loro di farla risorgere. […]

 

 

( Francesco Fontani, brano tratto da “Viaggio pittorico della Toscana – Vol. 2” – Firenze per Vincenzo Batelli e Comp., 1827 )

Piazza dei Miracoli in una stampa tratta dal libro "Compendio di Pisa Illustrata" del 1798
Piazza dei Miracoli in una stampa tratta dal libro “Compendio di Pisa Illustrata” del 1798

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...