Federigo Tozzi, Tre croci -17 – Capitolo 6/2


Siena -

Giunsero, quasi senza più parlare, ad una villa con la facciata scolorita dall’umidità; con una finestra finta e le persiane verdi; con rappezzature fatte a calce, come patacche bianche.
Incontrarono un portalettere sciancato; con la pipa in bocca; volta in giù; con la borsa logora a tracolla ed una fazzolettata di chiocciole in mano.
Chiarina e Lola fecero le boccacce. Poi, incontrarono due preti: uno basso, tarpagno; e un altro secco come un nocciolo d’oliva. E alle due sorelle venne da ridere.
Poi, giunsero ad un’altra casa, tenuta su, perché non franasse, con certi rinforzi di mattoni, a pendìo, che arrivavano al tetto. Aveva la facciata gialleggiante di licheni.
Ora, i muri della strada erano tutti storti e piegati; sbilenchi; con rigonfiature che si spaccano come se fossero per sfiancarsi.
Elle si misero a canticchiare; ma, stonando e non andando a tempo, dovevano sempre rifarsi da capo. Non pensavano a niente; e la zia disse loro:
– Non camminate troppo, perché sudate.
Lola chiese:
– Non arriviamo fino alla cappella?
– È troppo lontana; poi, per tornare a dietro, è salita.
– Non t’impaurire. Ti porteremo noi.
Modesta ripensava al contrasto del giorno avanti, con il marito e i cognati. Era stato unosbaglio di lei che avrebbe potuto finire in litigio. E benché se ne sentisse ancora pentita, era più serena e sicura. Dunque, il suo istinto, questa volta, l’aveva ingannata.
Ma le due sorelle volevano fare la passeggiata più lunga, perché avevano da dirle un gran segreto; volevano anche esserci preparate e vederla disposta bene. Veramente, a parlare, toccava a Chiarina; perché il segreto riguardava lei; ma non ne erano ben certe. In due, si sarebbero fatte coraggio meglio.
Chiarina pregò Lola:
– Diglielo tu. Appunto perché si tratta di me, mi parrebbe d’essere troppo temeraria.
– E, se per caso, mi dovessi fidanzare io, che faresti tu?
– Lo sai: glielo direi io. Mi ci viene da piangere.
– Aspetta a quando torneremo a casa.
– A forza d’aspettare, non glielo diremo mai. Guarda che more grosse e mature.
– Bisognerebbe fare un salto, per arrivarle.
– C’è da bucarsi le mani.
Erano in fondo alla Strada del Mandorlo, alla cappella. Dirimpetto a loro, su un siepone pieno di roghi, c’è una ventina di cipressi; tutti diseguali anche d’altezza. La cappella pare un casotto; con due scalini corti, di pietra, e con un’inferriata arrugginita sopra una finestrucola nella porta. Due statuette, come due fantocci di pietra scortecciata, una di San Bernardino e una di Santa Caterina, in proda al tetto di tegole smosse.
– Ce la diranno mai la messa?
– C’entrerebbe soltanto il prete.
– Sicuro! Scommetto che a sentire la messa restano di fuori; qui dove siamo noi.
Più in là, dove sboccava un’altra strada, c’è una croce di legno; con un gallo colorato in cima; in mezzo a due cipressi. Due donne, accoccolate sul ceppo della croce, si spartivano una grembialata d’uva.
Quand’erano più piccole, Chiarina e Lola dicevano sempre qualche avemaria. Anche ora, si sentivano preoccupate e confuse, quasi sperse; come se la croce proibisse loro di star sole senza la zia.
– Non sarebbe meglio che tu non ti fidanzassi?
Chiarina voltò le spalle alla croce e si discostò:
– Perché me lo dici qui?
– È peccato qui?
– Mi pare.
– Andiamo via subito, allora!
Ma Chiarina stava tra la paura della croce e il suo desiderio; e disse:
– La zia vorrà riposarsi!
– E tu non esagerare, dunque! Se si riposerà, glielo dirò subito. Oggi o mai più!
– Bada che, se le dispiace, la colpa è tua!
– Va bene: la prenderò io.
Modesta giunse, trenfiando. Lola le disse, prendendola a braccetto:
– Zia, Chiarina ha da confessarti una cosa!
– C’è bisogno che tu porti l’ambasciata?
– Da sé non te lo può dire.
– Fate sempre le giuccarelle, come se tu non avessi ormai quindici anni e lei diciassette!
[…]

 

 

( Federigo Tozzi, Tre croci – 1920 )

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...