Ferrigni Pietro F.L.C. – Firenze – Il Viale dei Colli – Primo tratto -1


Firenze - 20160705_006

Il Signore Iddio benedetto creò il cielo e la terra in sei giorni…. e fece una gran bella cosa!… Perchè insomma, ad onta di tutte le sperpetue de’ padri predicatori che ci trovano un’ infinità di magagne, il mondo mi pare un lavoro fatto bene, condotto con grande economia, e adattatissimo allo scopo cui deve servire. Accogliete, Etemo Padre, l’espressione dei sentimenti di stima e di sincera ammirazione con cui ho l’onore di dirmi : vostro devotissimo….
Ma se il Grande Architetto dell’ universo avesse dovuto creare il Viale dei Colli per la Comunità di Firenze, è probabile che ci avrebbe impiegato almeno almeno un paio di settimane, non mica per la difficoltà di scavare una via lungo il fianco della montagna, sebbene per quella lungagnaia dello scavare anzitutto i quattrini dalle tasche de’ contribuenti.

Firenze - 20160705_003

Adesso che il lavoro è finito, e il Viale corre su per le vaghe pendici che si stendono in semi-cerchio attorno all’ allegra vallata fiorentina, è naturale che i padri predicatori dell’ ordine de’ Malcontenti ci spargano sopra una rifioritura di vituperii, e dal pulpito della stampa quotidiana gli lancino addosso i fulmini sgangherati delle rampogne rettoriche.
L’ opera immensa poteva esser compiuta con ventotto lire e undici centesimi di minore spesa, il che avrebbe salvato dalla miseria questo povero popolo a cui non rimarrà presto presto altro che il Campanile del Duomo per precipitarcisi giù a capo fitto ; la salita è troppo agevole, e questo non è buono per chi ha bisogno di rafforzare i polmoni coll’esercizio di arrampicarsi sull’erta; la strada è troppo lunga, con gravissima iattura de’ gobbi che patiscono d’asma ; 1’aria è troppo fine per i tubercolotici al terzo stadio ; e la vista è troppo estesa, atroce scherno per quelli che scambiano un occhio e veggono da lontano il Duomo con due cupole e Palazzo Vecchio con due torri. Tirata la somma de’ vantaggi e degl’inconvenienti, la Costarella di San Giorgio per chi voleva fare una passeggiata in collina, era di molto preferibile al Viale dei Colli !…
Le critiche son tutte di cotesto genere, e, lo confesso, mi amareggiano molto il piacere d’ una trottata in carrozza fino al piazzale Michelangiolo ; ma poi mi consolo pensando che se vi fu chi fece la barba al Padre Eterno per la fabbrica dell’ universo, è ragionevole si trovi un barbiere anche per l’ingegner Poggi, che fece solamente il Viale de’ Colli, e c’impiegò sei giorni…. e qualche ora!…
Questa semplice considerazione mi riempie l’anima d’una tranquillità così giulebbosa, che provo subito il bisogno di non far più nulla in tutta la giornata, e me ne vado fuori di Porta Romana a gingillarmi passeggiando pel Viale. […]

 

 

( Ferrigni Pietro F.L.C. , brano tratto dal libro “Su e giù per Firenze – Monografia Fiorentina” , G.Barbera Editore, Firenze, 1877 )

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...