Carlo Lorenzini (Collodi) – I misteri di Firenze – 3 – Il Cavaliere di Santa-Fiora -6


Firenze - Panorama da Piazzale Michelangelo - 2015 - 07 - 09 - DSCF0011
Firenze – Panorama da Piazzale Michelangelo

[…]

— Che perla d’amico ! — pensò il Segretario, dentro di sé : e prese il cappello per andarsene. Ma poi, quasi lo pungesse un’innocente curiosità, tornò verso il Cavaliere, per domandargli in tutta confidenza :
— Ehi ! si può sapere a quattr’occhi chi fosse veramente il dominò di jeri sera.
— Parola di Cavaliere: non lo so neppur io !
— Animo via: ho capito tutto: vuoi fare l’abbottonato !… con me !
— Se lo sapessi, te lo direi ! io non amo i misteri.
— Ehi! — tornò a insistere il Segretario, con un risolino malizioso. — quel dominò era maschio o femmina ?
— M’auguro che fosse femmina.
— E, a farlo apposta, tutti lo hanno battezzato per maschio.
— Tutti ? … cioè ?  — riprese il Cavaliere , turbandosi leggermente — E cosa dicono ?
— Dicono !… veramente c’ è da dir poco : piuttosto tirano a indovinare.
— Ebbene ? — domandò il Cavaliere, non potendo più dissimulare il vivissimo interesse, che gli scappava fuori dagli occhi, dalle labbra e da tutta la fisionomia, atteggiata a punto interrogativo.
— I più suppongono che si tratti d’una rappresaglia politica.
— Politica ? — ripetè Santa-Fiora, sforzandosi di ridere — eccone un’altra delle belle ! davvero che quei signori mi fanno troppo onore. Non avrei mai creduto con un fisico di questo diametro (e il Cavaliere dette un’occhiata alla rotondità della sua pancia) di procurarmi la nomea di cospiratore e d’uomo politico.
— Ma — soggiunse il Segretario, con quell’oscillanza di chi teme di compromettersi per dir troppo — si tratterebbe di cose rancide…. vecchiumi…  reminiscenze del …

Prima di finire il periodo, Gastone si voltò intorno, e dette un’occhiata sospettosa a tutta la camera, come fanno gli attori in commedia, quando hanno da rivelare altrui qualche segreto di grande importanza : quindi, avvicinatosi all’orecchio del Cavaliere, gli sussurrò sottovoce.
— Sarebbero … reminiscenze del ventuno !

Il Segretario pronunziò la parola ventuno, con tanta velocità, che pareva cosa che gli scottasse la bocca.
— Bellissima questa ! bellissima davvero ! ora, ora comincio a divertirmi — gridò il Cavaliere, il quale, a farlo apposta, cominciava a non divertirsi punto.

Il colloquio fu interrotto da Giovanni che venne a consegnare nelle mani del suo padrone, una lettera in forma di plico.

Il Cavaliere, dopo aver letto la sopraccarta, si fermò a considerare il sigillo dove si vedevano effigiati uno stile e una pistola, incrociati insieme, con intorno il motto “Ora e sempre!”
— Chi ha portato questa lettera ? — domandò bruscamente Santa-Fiora, facendosi nero, come un. temporale.
— Un giovinetto — rispose il cameriere.
— Dov’è ? diteli che passi.
— Se n’è andato subito.
— Perchè l’avete lasciato partire ?

Santa-Fiora si rigirò la lettera due o tre volte per le mani; ora si fissava sul carattere della sopraccarta ; ora tornava a guardare il sigillo. Finalmente si decise ad aprirla : lesse cogli occhi poche parole : quindi, richiudendo il foglio e alzandosi in piedi, masticò fra i denti:
— Eccomi qua : è una partita che salderemo !

Gastone, che per il solito capiva poco e male a proposito, in quel momento capì benissimo. S’accorse che per aria v’era della burrasca e senza aspettare che accadesse peggio, uscì pian piano di camera , brontolando tra sè:
— Ho capito !… È affar di cambiali !

[…]

( Carlo Lorenzini (Collodi) – Brano tratto dal libro “I misteri di Firenze – Scene sociali” – 1857)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...