Strafforello Gustavo, Lucca – 1890 – Acquedotto


lucca-acquedotto-2
Lucca – Acquedotto – Immagine tratta da “Firenze e la Toscana” di Eugenio Müntz, Fratelli Treves Editori, 1899

Un magnifico acquidotto, già deliberato dalla Repubblica, poi dalla principessa Elisa, che non ebbe tempo fuorché di fare qualche lavoro preparatorio alle sorgenti, fu definitivamente decretato ed eseguito da Maria Luisa, nel 1823, ed ultimato nel 1832 dal cav. Lorenzo Nottolini, conduce giornalmente in Lucca, dal lato nord dei monti Pisani, 8.000 ettolitri d’acqua; quella per bere, separata da quella per lavare, viene da sorgenti allacciate nel monte di Vorno a sud della città, scende dal monte in un doppio canale murato e coperto per circa un chilometro e, giunta al piano, si spande in un ampio serbatoio in pietra, donde scorre per una linea stupenda e rivaleggiante con quelle degli acquidotti di Roma (3424 m.), composta di ben 459 archi, facendo capo ad un bello edifizio presso la stazione, a foggia di rotonda con un portico in giro a colonnato e coperto da una cupola.

L’acqua si versa qui dal condotto in una gran vasca marmorea e passa quindi in due tubi di ferro fuso, che la trasportano in piazza del Duomo e in molti altri luoghi pubblici e privati della città e dei suburbii.

 

 

( Strafforello Gustavo, brano tratto dal libro “La Patria – Geografia dell’Italia – Massa e Carrara, Lucca, Pisa e Livorno” – 1890 )

Lucca - Piazza del Duomo
Lucca – Piazza del Duomo
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...