Strafforello Gustavo, Pisa – 1890 – Torre Pendente


pisa-piazza-duomo
Pisa – Duomo e Torre pendente – Immagine tratta dal libro “La Patria – Geografia dell’Italia – Massa e Carrara, Lucca, Pisa e Livorno” di Strafforello Gustavo – 1890

Strapiomba metri 4,3 a sud dalla verticale ed è alta m. 55,22 a sud e m. 54,52 a nord. Una pendenza consimile si osserva anche nelle torri degli Asinelli e Garisenda a Bologna. Non rimane più dubbio che la pendenza deriva dalla fondazione imperfetta e ch’essa si manifestò prima che la torre fosse innalzata alla metà della sua altezza, dacché i costruttori fecero evidentemente un tentativo per raddrizzarla al possibile.

La Torre è cilindrica con otto ordini di 207 colonne sopra archi tondi che formano aperte gallerie esterne. Codesta struttura notevolissima è il tipo, come vedemmo, dello stile architettonico pisano. Fu incominciata nell’agosto 1174, al tempo della grande transizione dello stile architettonico, da Bonanno Pisano, continuata da Benenato (1235), da Guglielmo d’Innsbruck (verso il 1260) e terminata nel 1350 da Tommaso Pisano, allievo di Andrea Pisano.

Sulla porta d’ingresso un rilievo della scuola pisana rappresenta la Madonna con San Pietro e San Giovanni.

L’arco pisano con colonnini, molto e giustamente ammirato, si diffuse rapidamente nella Lombardia e lungo il Reno. Lo si rinviene anche nei campanili di Roma nel secolo XIII, nell’abside della chiesa dei Ss. Giovanni e Paolo sul Celio e in molte altre parti d’Italia.

Alcuni ornati nel basamento, ove gli archi sono solidi: mosaici e poche sculture del sec. XIV. Un’iscrizione, posta nel 1839 durante il Congresso degli scienziati a Pisa, commemora le esperienze fatte sulla torre da Galileo sulla caduta dei gravi, origine della teoria Newtoniana della gravitazione.

Si ascende agevolmente in cima per una scala di 294 gradini e la salita non è permessa che a tre persone alla volta onde evitare disgrazie e suicidi. In cima vi sono sette campane disposte in modo che il metallo più pesante sia dalla parte ove il suo peso controbilanci la pendenza del campanile. Codeste campane, di cui la maggiore pesa più di 6 tonnellate, sono sonore in sommo grado ed armoniose, e la migliore, la Pasquereccia, era già nell’antica torre del Giudice e si chiamava della Giustizia, suonava a lugubri rintocchi quando giustiziavansi i delinquenti. Fu fusa nel 1262 e va ornata di un’immagine della Vergine e dello stemma di Pisa, i cui fonditori di campane erano assai rinomati.

Il panorama in vetta al campanile è stupendo.

La città e le sue adiacenti pianure veggonsi in tutta la loro estensione; indi il Tirreno, Livorno col suo faro e il naviglio, monte Nero più oltre, la Gorgona nell’orizzonte lontano e, col bel tempo, anche la Corsica. In altre direzioni i colli ameni che separano Pisa da Lucca, i Bagni di San Giuliano, la Certosa e le dirupate Alpi Apuane.

 

( Strafforello Gustavo, brano tratto dal libro “La Patria – Geografia dell’Italia – Massa e Carrara, Lucca, Pisa e Livorno” – 1890 )

Pisa - Piazza dei Miracoli - Torre - 2013 07 02 - DSCF0829 a
Pisa – Piazza dei Miracoli – Torre

 

Pisa - Piazza dei Miracoli - Torre - 2013 07 02 - DSCF0830
Pisa – Piazza dei Miracoli – Torre
Pisa - Piazza dei Miracoli - 2013 07 02 - DSCF0827
Pisa – La Torre – ” Ecco un galantuomo benigno! “
Annunci

4 commenti Aggiungi il tuo

  1. tachimio ha detto:

    Mhttps://i1.wp.com/lanostracommedia.altervista.org/immagini/Pisa_Zivag.jpg

    Varco la soglia
    e un bianco
    improvviso
    colpisce i miei occhi.
    Vorrei spostare
    per un attimo
    quei lampioni
    per godere
    di più
    di uno scenario unico.
    Architettura ricercata,
    intagli, cupole, archi.
    Nella Piazza dei Miracoli
    si sta col naso all’insù.
    Ma è la torre,
    quella sua inclinazione
    che incuriosisce e attrae.
    Mentre il Duomo e il Battistero,
    offesi,
    le voltano le spalle.

    Isabella Scotti

    Ottimo post Carlo. Interessante davvero. Grazie . Isabella

    Liked by 1 persona

    1. Carlo Rossi ha detto:

      Grazie a te per il tuo bel commento.
      Saluti,
      Carlo

      Liked by 1 persona

      1. tachimio ha detto:

        Sono contenta se ti è piaciuto il tutto. Un abbraccio. Isabella

        Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...