Strafforello Gustavo, Volterra – 1890 – Porte


Volterra - Porta all' Arco
Volterra – Porta all’Arco – Immagine tratta dal libro “La Patria – Geografia dell’Italia – Massa e Carrara, Lucca, Pisa e Livorno” di Strafforello Gustavo – 1890

« C’est une vision de Moyen âge, que cette ville, serrée d’une ceinture intacte de remparts oû les murailles florentines se relient aux murailles etrusques. Visiblement cette Volterra ne fut qu’un bastion suspendu sur la Maremme ». Così Paolo Bourget, il ben noto scrittore della Francia nelle sue recenti, deliziose Sensations d’ Italie.

Esistono sempre moltissimi avanzi delle mura etrusche, la cui cinta allargandosi in un circuito di oltre 6 miglia, rappresenta il massimo sviluppo della città antica.

Di porte etrusche rimangono solamente i resti di una detta attualmente il Portone, indicata da alcuni scrittori per Porta di Diana, e la Porta all’Arco.

Attualmente la città è cinta dalle mura medioevali molto più ristrette e forse un terzo delle antiche. Vi si entra per le porte seguenti: Porta a Selci, conosciuta, dicesi, primitivamente come Porta del Sole per la sua orientazione; Porta Marcoli, Porta di Doccioìa, Porta Fiorentina, Porla San Francesco, Porta San Felice, Porta all’Arco.

 

 

 ( Strafforello Gustavo, brano tratto dal libro “La Patria – Geografia dell’Italia – Massa e Carrara, Lucca, Pisa e Livorno” – 1890 )

Volterra - 1
Volterra
Volterra - 2
Volterra
Volterra - 3
Volterra
Volterra - 4
Volterra
Annunci

Un commento Aggiungi il tuo

  1. Pingback: Site Title

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...