Carlo Lorenzini (Collodi) – In Carrozza… inizia un romanzo – 4


Firenze

[…]
Mi accostai allora al parapetto d’ una delle finestre della sala : e messo il capo fuori , per respirare una boccata d’aria fresca e mattutina, che correva scherzando e folleggiando sul greto verdeggiante dell’Arno, vidi fermarsi dinanzi alla porta d’ingresso della Stazione, un Droski di vettura, al terzo stadio di putrefazione, strascicato da un normanno trentenne, semoventesi sopra tre gambe soltanto (la quarta aveva le sue buone ragioni per non lavorare ! ) e condotto da un’ auriga eccessivamente democratico, con cappello all’ Ernani in testa, il quale schioccava la frusta con tanta iattanza, come se avesse avuto nella vettura uno di quei favolosi lordi inglesi, inventati molti anni indietro dalla superstiziosa cupidigia del volgo, e che, stando alla tradizione passata di bocca in bocca, si divertivano a seminare di Sterline e di Napoleoni d’oro la strada che percorrevano, nelle loro umoristiche pellegrinazioni in Italia.

Ma invece di un Rostchild o di un Nortbumberland, vidi discendere dalla vettura il mio grosso terrazzano che era rimasto a piedi sulla piazza del Duomo. Aveva la faccia paonazza , come un cocomero varcato il limite della maturità : il sudore gli cadeva a rigagnoli sulle gole: e la lingua gli usciva fuori dalla bocca, come a un cane da presa quando ritorna dall’ inseguire una lepre in aperta campagna.

— Faccio in tempo ? — domandò, con ansia affannosa, al facchino che gli apriva lo sportello del legno.
— Ci sono ancora dieci minuti alla partenza ! —

Il pover’ uomo rimase di sale, con una gamba in terra e coll’altra sempre appoggiata sul montatoio del Droski.

Eccovi il perchè: Egli aveva già fatto più di mezza strada a passo di carica, allorquando incontrò il prelodato Droski, che tornava a vuoto, di fuori la porta — « Il treno sta per partire » — gli gridò l’auriga dal cappello all’ Ernani.  A questa fulminante notizia, il terrazzano perse il lume degli occhi. Non c’era tempo da perdere: fu tanta la fretta, con cui salì nella vettura, che sdrucciolò e si fece un’ammaccatura agli stinchi.

— « Vola, vola !… » gridò al vetturino — e il Droski si messe in tale ardenza, che, non essendo avvezzo a un moto così disordinato, dopo venti passi, perdette l’equilibrio e ribaltò per terra. Per buona sorte, il terrazzano ne uscì libero, con una forte contusione sul capo ed una leggera slogatura al piede sinistro. Intanto la vettura, dopo lunghi e penosissimi sforzi, rimessa in piedi, arrivò felicemente dentro la Stazione della strada ferrata. Ahimè ! tanta furia !… e una vettura per giungere in tempo !… Eppoi mancavano ancora dieci minuti alla partenza !… Il poveruomo s’avvide d’essere stato la vittima di un infame tradimento….

— Cosa ti devo dare ?… chiese, coi denti stretti, al vetturino.
— Tre paoli, e la sua buona grazia !
— E una matassa di spago, per farti una corvatta da collo — riprese l’altro. Quindi altercò, imprecò, protestò, maltrattò, eppoi… eppoi pagò i tre paoli — e si diresse a prendere il biglietto !…
— Tre paoli ! — ripeteva fra sè e sè — tre paoli, per avermi preso a mezza strada ! e sulla piazza del Duomo mi chiedevano una lira !…

Forse il pover’ uomo si credeva assassinato; ma egli ignorava, come ignorano molti, che la tariffa di una vettura varia a seconda della maggiore o minore urgenza che dimostra il passeggero nell’ atto di noleggiarla !… Avviso a chi n’ ha bisogno !
[…]

 

( Carlo Lorenzini (Collodi) – brano tratto dal libro “Un romanzo in vapore – Da Firenze a Livorno  – Guida storico-umoristica” – Tip.Mariani Firenze – 1856)

Firenze
Annunci

2 Comments Add yours

  1. newwhitebear ha detto:

    sempre di piacevole lettura questo racconto di Collodi

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...