Carlo Lorenzini (Collodi) – Ancora di Firenze – 1/3


Firenze - 2015 - 07 - 09 - DSCF0005

— O dove la scava tutta questa erudizione, quel granchio coll’occhiali verdi ?  — domandò un giovinetto che aveva finito i suoi studi, a un Prior di campagna, che gli stava seduto accanto.
— Come ! e non ve ne siete accorto ? ell’ è tutta roba pescata nel Repetti.
— Repetti ! — riprese l’ altro — non lo conosco ! — E storse la bocca, quasi gli avessero citato un ciabattino.
— Vi fa torto : il Repetti era un brav’uomo : arricchì il suo paese di un Dizionario Storico-geografico, commendabilissimo lavoro, e tale, che se fosse uscito in Francia o in Inghilterra, avrebbe fruttato al suo autore e ricchezze, e onori, e reputazione: ma… — E qui il priore cacciò fuori un sospiro, che tradotto in volgare significava… « ma la Toscana è un benedetto paese dove la brava gente spesse volte acquista il diritto di fiorire in camera nobile allo Spedale. »
[…]

In questo mentre, il gran battibecco sulla città di Firenze, procedeva di bene in meglio.

Ne furono dette di tutti i colori! e se io volesse farvene il processo verbale, per disteso , occuperei per lo meno mezzo libro. Ne darò il sunto … e a buon’ intenditor poche parole.

Cinguettando d’ architettura moderna il giornalista concluse :

— In un’ epoca, come la nostra, in cui lo schik è stato sostituito al bello, e il confortable al maestoso, credetelo a me, l’arte di fare i Palazzi si è perduta per sempre, e forse non è male: poiché a dirla schiettamente, non so con quanta dignità e analogia i nostri musi possano affacciarsi ai giganteschi balconi degli antichi Palagi. Fra le fisionomie moderne e il vero Palazzo, c’è per lo meno, un’ anacronismo indecente !
— Se l’arte di fare i grandi monumenti è perduta, bisogna però convenire, dall’altra parte, che a Firenze si conosce a fondo l’arte di restaurare mirabilmente gli antichi edifizi. E il Duomo, la loggia dell’Orgagna, Or-San-Michele, Palazzo Vecchio e il Bargello, son là per fare manifesta testimonianza di questa verità di fatto.

[…]

 

( Carlo Lorenzini (Collodi) – brano tratto dal libro “Un romanzo in vapore – Da Firenze a Livorno  – Guida storico-umoristica” – Tip.Mariani Firenze – 1856)

firenze-2015-07-09-dscf0004

Annunci

9 Comments Add yours

  1. Sylvain L ha detto:

    Penser à la Renaissance, s’est penser à Florence

    Liked by 1 persona

  2. Sylvain L ha detto:

    L’ha ribloggato su Shift2Drive.

    Mi piace

  3. Itanamara Santarem ha detto:

    Que linda paisagem! Eu tenho vontade de conhecer Itália. 🙂

    Mi piace

    1. Carlo Rossi ha detto:

      🙂🙂🙂

      Liked by 1 persona

      1. Itanamara Santarem ha detto:

        Eu moro no Brasil, eu penso que a Itália é mais bonita(claro, com sua peculiaridades). ❤

        Mi piace

      2. Carlo Rossi ha detto:

        Io penso che anche il Brasile sia molto bello.
        Mi piacerebbe molto poterlo visitare.
        Saluti,
        Carlo

        Liked by 1 persona

      3. Itanamara Santarem ha detto:

        Se você vier visitar o Brasil, será bem-vindo! Estarei aqui para ajuda-lo em que precisar. Abraço! 🙂

        Mi piace

      4. Carlo Rossi ha detto:

        Ti ringrazio ! 🙂

        Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...