Carlo Lorenzini (Collodi) – Montelupo – 1/2


Montelupo
Montelupo – immagine tratta dal libro di Carlo Lorenzini (Collodi) “Un romanzo in vapore – Da Firenze a Livorno – Guida storico-umoristica” – Tip.Mariani Firenze – 1856

— Eccoci a Monlelupo: eccoci al paese dei famosi boccali. E a chi non son noti, almeno per fama, i boccali di Monlelupo ? Questo paese è molto più celebre per le sue terraglie, che per le sue vicende storico-politiche : — tant’ è vero che il Dott. D. M. Manni, uno dei ruminanti più diligenti della sua età, in materia di notizie municipali, e che nel 1740 fu potestà di Montelupo, credette ben fatto di non occuparsene nè tanto nè quanto. Nonostante, poiché mi torna di mano, vi dirò che Montelupo fu murato verso la metà del Secolo XIII, dai Fiorentini, per tenere in soggezione quelli del Castello di Capraia, che vedete là in faccia, e loro alleati: donde poi ne derivarono quei due versi, notissimi, che dicono :

Per distrugger questa Capra
Non ci vuol altro che un lupo.

Come poesia, capirete bene, che quest’adagio non è davvero una cosa prelibata; ma serve, se non foss’altro, a mostrare la vecchia ruggine, che ha sempre roso fino dai tempi remoti, questi due Castelli che seggono l’uno di faccia all’altro, e che pare che tuttora si guardino in cagnesco. A seconda della volgata più comune, pare che i Fiorentini volessero dare il nome di Montelupo al loro castello, unicamente per alterigia militare, e per dispetto a quelli dell’opposto colle. Se quest’origine non v’andasse a verso, potete prendere quella che ce ne porge nel suo Malmantile racquistato, lo spirito bizzarro del pittore e poeta Lorenzo Lippi. Esso racconta in giocose ottave, e tutte saporite dei modi più vivi e festosi del popolo fiorentino, che il Castello di Montelupo prendesse questo nome da un bel fatto di Paride, il quale, da quel valente cacciatore che egli era, vi uccise, durante la guerra eroi-comica di Malmantile, un grosso e mostruoso Lupo che metteva lo spavento in tutti i dintorni. Compiuta che ebbe Paride la gloriosa gesta, dice il poeta.

La gente quivi corre d’ogni intorno
A rallegrarsi della sua bravura:
Ne lo ringrazia, e a regalarlo intonta
Chi gli dà, chi gli dona e chi gli avventa.

Paride però, siccome è dicevole agli uomini forti e d’animo valoroso in mezzo a tanta gloria, ricusa le offerte che gli vengono avventate da quei popoli riconoscenti,

E dice che da lor nulla pretende:
E se di soddisfarlo hanno concetto,
Per tal memoria gli sarà più grato
Che il luogo Montelupo sia chiamato.
Si si che gli è dover, da tutti quanti
Gli fu risposto, ed in un tempo stesso
L’ Editto pel Castello su pe’ canti
Per memoria dei popoli fu messo:
Che divulgato poi, di lì in avanti
Fu osservato si, che fino adesso
Questo nome conservan quelle mura,
E il manterranno finché il mondo dura.

[…]

 

 

( Carlo Lorenzini (Collodi) – brano tratto dal libro “Un romanzo in vapore – Da Firenze a Livorno  – Guida storico-umoristica” – Tip.Mariani Firenze – 1856)

MONTELUPO CHIESA DI S GIOVANNI EVANGELISTA BOTTICELLI MADONNA COL BAMBINO E SANTI
Montelupo – Dipinto nella Chiesa di S.Giovanni Evangelista – Immagine tratta dal libro “Valdarno da Firenze al mare” – 1906
Annunci

6 Comments Add yours

  1. fulvialuna1 ha detto:

    Il dipinto è meraviglioso.

    Liked by 1 persona

    1. Carlo Rossi ha detto:

      Thank you.

      Liked by 1 persona

  2. tachimio ha detto:

    Tornarti a leggere è sempre un piacere. ”Maledetti toscani” diceva un certo Malaparte. Buon weekend. Isabella

    Liked by 1 persona

    1. Carlo Rossi ha detto:

      Ti ringrazio. Visto che il weekend è passato ti auguro una buona settimana.
      Saluti, Carlo

      Liked by 1 persona

      1. tachimio ha detto:

        Con un sorriso anche a te. A presto

        Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...