Strafforello Gustavo, Prato – 1890 – 1/2


Prato - Cattedrale
Prato – Cattedrale – immagine tratta dal libro di Strafforello G. “La Patria – Geografia dell’Italia – Provincia di Firenze” – 1890

Detta con un po’ di esagerazione la Manchester della Toscana, giace in bella e fertil pianura, sulla sponda destra del Bisenzio, a 25 minuti con la ferrovia da Firenze.

La cinta odierna di mura è un ampliamento di quella del 1192, incominciata nel 1322, un esagono con bastioni agli angoli e cinque porte. La fortezza, collegata con le mura da un passaggio coperto, occupa il luogo del così detto palazzo dell’Imperatore, esistente già sin dal 1191, convertito nel 1284 in palazzo del Popolo e serve ora di prigione militare. Delle cinque fontane pubbliche la più ricca è quella nella piccola ma bella piazza della Cattedrale.

Prato - Fonte con putto in bronzo
Prato – Fonte con putto in bronzo – immagine tratta dal libro di Strafforello G. “La Patria – Geografia dell’Italia – Provincia di Firenze” – 1890

Un’altra fontana nella piazza del palazzo Municipale ha in cima un piccolo Bacco (il Bacchino), del Tacca. Fra le altre sei piazze la più grande è quella detta già del Mercatale, l’antico mercato sul fiume, ora incorporata alla città.

L’edifizio più importante di Prato è la Cattedrale, dedicata ai Santi Stefano e Lorenzo. E’ listata esternamente in marmo bianco e in serpentino verde, che sembra nero, delle vicine cave di Monteferrato, o verde di Prato. Era in origine nello stile romano basilicale del secolo X, ma fu ingrandita nel 1317, credesi su disegno di Giovanni Pisano che l’avrebbe trasformata in croce latina innestandovi lo stile ogivale.

Fu rinnovata, nel 1457, nella facciata sullo stile del Rinascimento primitivo e decorata all’angolo da un gioiello scultorio: la cattedra, per mostrare al pubblico la Sacra Cintola della Madonna, che un Michele da Prato portò nel 1141 dalla Palestina.

Fu ordinata nel 1428 al Donatello al prezzo di 25 fiorini per ciascuno dei sette compartimenti ed eseguita nel 1433-34; l’unico capitello in bronzo che la sorregge è suo in collaborazione con Michelozzo.

Sulla porta principale è la bellissima lunetta in terracotta con la Madonna e i Santi titolari Stefano e Lorenzo, di Andrea della Robbia (1489). Anche le altre porte laterali meritano di essere esaminate. Il campanile, incominciato da Giovanni Pisano, fu ultimato, verso il 1340, da Nicolò del Mercia e Sano, suo allievo, architetti senesi.

 

 

 

 ( Strafforello Gustavo, brano tratto dal libro “La Patria – Geografia dell’Italia – Provincia di Firenze” – 1890 )

Prato - Fianco della Cattedrale
Prato – Fianco della Cattedrale – immagine tratta dal libro di Strafforello G. “La Patria – Geografia dell’Italia – Provincia di Firenze” – 1890
Prato- Tribuna esterna della Cattedrale
Prato- Tribuna esterna della Cattedrale – immagine tratta dal libro di Strafforello G. “La Patria – Geografia dell’Italia – Provincia di Firenze” – 1890

 

Annunci

3 Comments Add yours

  1. kethuprofumo ha detto:

    Bellezza Divina! Grazie, caro Carlo! 🙂

    Mi piace

    1. Carlo Rossi ha detto:

      Ciao! Grazie a te.

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...