Strafforello Gustavo, Siena – 1890 – Palazzo Pubblico – 1/3


Siena - Palazzo Pubblico
Siena – Palazzo Pubblico – immagine tratta dal libro “La Patria – Geografia dell’Italia Arezzo Grosseto Siena” di Strefforello Gustavo – 1890

Il Palazzo Pubblico, già Palazzo della Repubblica (nel lato sud di piazza Vittorio Emanuele), edifizio grandioso in pietra sino alle prime finestre e il rimanente in mattoni, con archi acuti, merli e un’alta e svelta torre nel lato sinistro, rassomigliante a palazzo Vecchio in Firenze e sede ora dei pubblici uffici, del tribunale e delle prigioni.

Fin dal secolo XII nell’area, ora occupata dal palazzo, esistevano magazzini per dogana del sale e dell’olio, il cui piano superiore fu abitato, in progresso di tempo, dai monetieri e dal podestà. Dal 1289 divenne il palazzo della Signoria finché ebbe nel 1309 la sua forma presente: a tre piani nel mezzo e a due nelle ale.

Voglionsene architetti Vasari Agnolo di Ventura ed Agostino di Maestro Giovanni, ma niun documento lo conferma; la parte verso via di Malborghetto fu costruita nel 1307-10. Vedesi a destra lo stemma della città, una Lupa, di bronzo dorato, sopra una colonna, di Giovanni Turini (1429); a sinistra, presso l’ultima finestra del terzo piano, ergesi la torre detta del Mangia, incominciata nel 1325 e terminata nel 1345, tanto lodata da Leonardo da Vinci che si recò a visitarla nel 1502; fu architettata e costruita da Minuccio e Francesco di Rinaldo, perugino, ma il disegno del coronamento fu domandato nel 1341 a Filippo Memmi, pittore.

Ha in vetta un campanone fuso nel 1665 da Giovanni Salvini e sostenuto da un’ingegnosa armatura in ferro, in una specie di cupola fattavi erigere dal principe Mattia dei Medici. Più non esiste l’antico orologio, memorabile perché di prima invenzione, fabbricato nel 1347 da Bertino Pietro di Ronen e in attività sino al 1804: l’automa che batteva le ore e che fu tolto nel 1780, era stato soprannominato il Mangia dal soprannome di un Giovanni detto Mangiaguadagni o Mangia.

[…]

 

 

 

 

 ( Strafforello Gustavo, brano tratto dal libro “La Patria – Geografia dell’Italia – Arezzo, Grosseto e Siena” – 1890 )

 

Siena - 3
Siena

 

Annunci

Un commento Aggiungi il tuo

  1. newwhitebear ha detto:

    migliore l’immagine color seppia.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...