Vasco Pratolini – Firenze – La sera della Madonna – Le scampanate


Firenze – Piazza della Signoria, Palazzo Vecchio , Loggia dei Priori – Immagine tratta dal libro “Firenze” di Nello Tarchiani, 1915

 

A parte l’ultimo martedì di carnevale, esistono tre feste dell’anno in cui a Firenze non si guarda per il sottile sulla compagnia alla quale ci si unisce. Il richiamo e l’ansia di divertirsi sono tanti e tali che soltanto l’odio più feroce può indurre a rifiutare un invito o a declinare l’offerta di partecipare alla buriana. Cioè: lo scoppio del Carro il sabato santo; la festa del grillo alle Cascine che cade il giorno dell’Ascensione: e la sera della Madonna con relative rificolone e scampanate.
[…]

La “scampanata” avviene sul tardi della festa, quando già la gente torna dai Lungarni o discende dalle terrazze dove ha assistito ai fuochi d’artifizio che a spese del Comune hanno luogo sulle alture del Viale dei Colli; e consiste in un adeguamento liberale della antiche burle che i giovani popolani infliggevani ai pellegrini nel chiostro dell’Annunziata. Si prendono di mira, v’informerà lo staderini, “i becchi e le ragazze gravide e i vecchi sposi maialoni”. E il teatro di Machiavelli giocato all’aria aperta, con una massa di figuranti quanta, strada facendo, se ne trascina dietro il corteo dei promotori. I protagonisti messi alla berlina, aprono la colonna, riprodotti in fantocci pini di paglia e stoppa; infilati dentro pertiche, essi oscillano sulle teste dei vocianti beffeggiatori. I quai recano sotto le finestre dove abitano gli originali in carne ed ossa, e con schiamazzi d’ogni specie, stornelli irriverenti, volteggiando i fantocci a mo’ di parodia, eseguono la “scampanata”.
[…]

La “scampanata” è una burla senza secondi fini, una chiassata carnevalesca fuori stagione ma in piena tradizione, e gli stessi beffeggiati, dopo la collera istintiva e legittima del primo momento, lasciano cadere ogni risentimento e si limitano a dire che gli scampanatori non l’hanno indovinata: è al tale o al talaltro che avrebbero dovuto dal la baia.

 

( Vasco Pratolini, brano tratto dal libro “Cronache di poveri amanti”, 1947 )

 

Firenze – Palazzo Vecchio

 

Firenze – Loggia dei Lanzi
Annunci

7 commenti Aggiungi il tuo

  1. vikibaum ha detto:

    bello Cronache di poveri amanti…pratolnii quanto mi piace, peccato che troppo spesso sia dimenticato

    Piace a 1 persona

  2. Carolyn Page ha detto:

    Wishing you a wonderful, safe and happy festive season! 🙂
    xoxoxo

    Mi piace

    1. Carlo Rossi ha detto:

      Thank you. Happy Holidays and Happy New Year to you too.

      Piace a 1 persona

  3. Antonella Sacco ha detto:

    Un po’ di malinconia per un mondo e una “toscanità ” ormai perduti…

    Mi piace

    1. Carlo Rossi ha detto:

      Concordo con te. Ti auguro buone feste e un sereno anno nuovo.

      Piace a 1 persona

      1. Antonella Sacco ha detto:

        Buone Feste e Buon Anno anche a te

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...