Renato Fucini, Scampagnata – 10


Giorno di festa a Castiglione Garfagnana - Foto tratta da Come eravamo - Lucca - Edito Il Tirreno

[…]  La signora Flavia lo chiamò subito e gli disse qualche cosa all’orecchio.
Al fritto Gostino tornò con la cacciatora e col cappello in capo.
La signora Flavia lo chiamò di nuovo, e quando tornò col lesso comparve senza cappello. interrogando con gli occhi la padrona come per domandarle:
«Ora va bene ?».

La signora Flavia gli rispose di sì col capo; ma il signor Cosimo gli disse con un’altra occhiata che quelle cose avrebbe dovuto saperle da sé.

Gostino con una spallucciata gli fece capire che l’avevan seccato, e mi disse che pigliassi un altro po’ di pollo.

Questa gentilezza di Gostino fu il segnale dell’attacco.

Il vino aveva cominciato a rallegrare la comitiva e più che altri il sor Cosimo. Un contadino venne a dire che al paretaio del signor Cappellano avevano fatto un tiro di sette frusoni, per cui anch’egli rallegrò il suo umore, e mi trovai investito allora in pieno dalla spaventosa valanga delle cortesie di cotesta buona gente.

Gostino mise a sdrucciolo il piatto del pollo sul mio, e giù una frana di ciccia da sfamare un can da pagliaio, fatta rovinare dalla forchetta del sor Cosimo e da una gran manata del Cappellano nel gomito di Gostino.

«Non lo finisco.»
«Senza pane, permio !»
«È impossibile.»
«Dunque è segno che il pollo non gli piace !»

E giù, anche una targa di manzo.

E bisognò che mangiassi ogni cosa, tormentato a doppio dal pensiero che ancora non s’era a nulla !

Infatti cominciò subito la succulenta dinastia degli umidi. Sette ne comparvero ! Due di pollo; uno di vitella di latte; due di carne grossa; uno d’animelle, e l’ultimo di tacchino coi maccheroni… Scoppiavo !…

E bisognò assaggiarli tutti !… tutti !

Quello bisognò prenderlo perché era col cavol fiore, una primizia !

Quell’altro perché se no si sarebbe guastata la relazione; questo perché è con gli spinaci che ora sono una rarità; quest’altro perché ci ha fatto la salsa la signora Olimpia…

Dio signore ! non ne posso più.

E crepavo di ripienezza e di caldo, e, come se tutto il resto non bastasse, le mosche insistenti dell’autunno mi finivano di conciare impaniandomisi al sudore che mi colava a gore giù per le gote!…

E il sor Cosimo, sempre più feroce, m’assaliva con una cucchiaiata d’erba perché era roba leggiera, e il prete con una stiappa di ciccia che mi buttava nel piatto da lontano; e in quel tempo Gostino badava a predicarmi di dietro che non mangiavo nulla, e la signora Flavia a lamentarsi che non mi fosse piaciuto il desinare !

«Ecco l’arrosto ! ora siamo in fondo; coraggio !»

Ma coll’arrosto cominciarono le bottiglie.

Il prete n’agguantò per il collo una di vin santo, il sor Cosimo una d’aleatico e Gostino una di vermutte spumante.

[…]

 

(Renato Fucini, brano tratto da “Scampagnata”, in “Le veglie di Neri: paesi e figure della campagna Toscana”, 1882)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...